PROGETTO APICULTURA

Durante la missione di marzo 2014, il sindaco di Santa Cruz fa presente la necessità espressa da alcuni agricoltori, di avere una formazione sulle tecniche di apicultura razionale. Nel mese di marzo 2015 il socio Antonio si reca a Santa Cruz per verificare la fattibilità del progetto (attuali apicultori, possibilità di costruire le arnie e l’attrezzatura necessaria in loco, disponibilità di legno idoneo alla costruzione delle arnie, ecc) e consegna un’arnia modello che potrà servire per la costruzione delle altre.
Dopo aver acquisito la maggior parte delle informazioni utili per essere certi della fattibilità del progetto, a gennaio 2017 un apicoltrice ed un perito agrario naturalista fanno un ulteriore sopralluogo utile anche per prelevare alcuni campioni di api che verranno sottoposte ad analisi morfologica presso l’Università degli Studi di Torino. Nel frattempo viene presentato il progetto per richiedere dei finanziamenti.
Il progetto, in sintesi, si pone l’obiettivo di contribuire alla valorizzazione dei prodotti agricoli di Capo Verde attraverso la formazione di personale qualificato; tre i settori di intervento previsti:

  1. preparazione , confezionamento e conservazione dei prodotti dell’agricoltura
  2.  apicultura: della quale si vorrebbe favorire la transizione da pratiche cosiddette tradizionali (che comportano un’ enorme spreco di materiali – cera in particolare – ed una mancata valorizzazione degli stessi -ad es. mieli di scarsa qualita’) verso pratiche cosiddette moderne;
  3. corso di falegnameria che consentira’ la formaz ione di personale qualificato e capace di produrre il materiale apistico necessario all’attivita’ degli apicultori, onde evitare l’importazione – costosa – dall’Italia
    I corsi saranno tenuti da volontari dell’associazione con riconosciute competenze relativamente ai settori di intervento

PROGETTO PER LA SENSIBILIZZAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Attraverso la Provincia di Vercelli, nel 2009 l’Associazione partecipa al bando Regionale per la sensibilizzazione e la cooperazione internazionale. Il finanziamento ci permette di effettuare, presso la biblioteca comunale di Bianzè, il corso di formazione per animatori interculturali . Il personale così formato ha poi svolto anche attività di animazione alla mostra itinerante sui diritti del fanciullo in generale e sulla realtà capoverdiana in particolare, realizzata a fine anno 2009 e inizio 2010 a seguito del bando concorso “Impara l’arte, creala e ……usala per gli altri”, finalizzato alla realizzazione di vignette, disegni, elaborati artistici aventi come tema i diritti del fanciullo. Gli elaborati migliori sono stati premiati, presso il Castello di Quinto, dal Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Dr. Catania

PROGETTI DI EDUCAZIONE ALIMENTARE : CORSI DI FORMAZIONE IN IGIENE DEGLI ALIMENTI, CUCINA E CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI

corso cucina luglio 2010

Dal 2009 i propositi del gruppo incominciano a vedere, seppure con delle modifiche dettate dalle esigenze locali e dai programmi già intrapresi dal frate cappuccino nell’ambito del grande Progetto Donna-Bambino a Santa Cruz, la loro realizzazione.
Attraverso la Provincia di Vercelli, l’Associazione partecipa al bando regionale per l’attuazione del programma di sicurezza alimentare e lotta alla povertà in Africa occidentale e nel Corno d’Africa. Il finanziamento ricevuto permette di effettuare a giugno 2010 il primo corso di “cucina ed igiene degli alimenti” ad un gruppo di 25 cuoche degli asili di Santa Cruz e ad un gruppo di ragazze-madri ospiti della Casa Accoglienza M.Irgher.

corso di cucina alle cuoche degli asili

corso di cucina alle cuoche degli asili

Nei mesi di agosto 2013 e marzo 2014 si ripetono il corso di cucina ed igiene degli alimenti per altri gruppi di persone e prendono avvio anche i corsi di “conservazione degli alimenti” rivolti ai giovani agricoltori ed ai ragazzi ospiti del centro di recupero dei tossicodipendenti gestito da Tio Honorio

IL GRANDE PROGETTO DONNA-BAMBINO A SANTA CRUZ

febbraio 2008 gruppo di lavoro all’Università di Praia

L’intervento sociale a beneficio dei più poveri di Santa Cruz è partito quando, nel 2006, il Sindaco della Città, Orlando Sanches, ha personalmente chiesto aiuto a Padre Ottavio Fasano (Presidente AMSES)per intervenire e aiutare ad affrontare i bisogni emergenti della gioventù della città.
I bambini in strada incominciano ad essere molti, e spesso sono abbandonati dalle famiglie, dalle mamme che lavorano, e dai papà che emigrano[…..] dopo i primi percorsi educativi, attraverso il gioco, lo sport, sorgerà spontanea da parte dei ragazzi stessi, la richiesta di un lavoro e quindi di una formazione professionale in tal senso. [……]
Visto lo sviluppo turistico che sta avendo Capo Verde, in particolare l’AMSES ha pensato alla costruzione di una Scuola Alberghiera per 450 alunni. Dopo diversi contatti con le autorità locali e la formazione anche, nel 2008, di un gruppo di lavoro, presso l’Università di Praia, al quale hanno partecipato il prof. Davide Rosa dell’Istituto alberghiero di Mondovì e la prof.ssa Vercellino Germana dell’Istituto alberghiero di Trino, nonché presidente dell’Associazione…..il progetto non decolla per mancanza di fondi .

PROGETTO TURISMO NATURALISTICO/ SOLIDALE

gennaio 2017 sito naturalistico – Boa Entrada albero Pollon

Sempre più in voga, il turismo naturalistico, si sta diffondendo in ogni parte del mondo e pertanto il socio Riccardo, durante la missione di gennaio 2017, illustra all’Amministrazione Comunale di Santa Cruz la nostra idea che viene favorevolmente accolta . Questa attività economica, poiché poi di fatto crea un reddito, potrebbe essere un’opportunità per le popolazioni locali. A tal proposito, avendo la possibilità di entrare in contatto con le realtà presenti nell’arcipelago capoverdiano, l’intenzione è quella di effettuare un programma, in collaborazione con la popolazione locale, che preveda la gestione di aree attualmente non sfruttate al fine di creare non solo un’area di pregio naturalistico utile alle attività turistiche, ma di attuare programmi di tutela di tali aree, salvandole da quelle attività antropiche che potrebbero in qualche modo penalizzarle.
Gli obiettivi che si intendono perseguire sono:

  • Creare una nuova fonte economica per la popolazione locale tramite la gestione di aree di pregio naturalistico
    Formare la popolazione locale avviando nel corso del 2018 un corso di educazione ambientale per insegnare ad un gruppo di giovani come gestire in modo consono non solo i gruppi turistici ma anche gli ambienti naturali
  • Preservare aree attualmente non “produttive”
  • Dare la possibilità ai turisti di vivere a stretto contatto con la natura e con la popolazione locale, visitando aree al di fuori dei soliti circuiti turistici

    gennaio 2017 riunione alla Camera Municipal per progetto Turismo naturalistico solidale

  • Sostenere le opere che Padre Ottavio ha creato con l’AMSES, consentendo ai turisti di pernottare presso Casa dell’Amicizia sull’isola di Santiago e presso le Case del Sole sull’isola di Fogo.

PROGETTO ORTICOLTURA

marzo 2014 lezione pratica di orticoltura alle tende di Tio

Già durante la missione del 2014 la socia Enrica aveva illustrato la possibilità di coltivare gli ortaggi applicando la permacultura, parlando sia al gruppo di donne che seguivano il corso di cucina tenuto presso la Parrochhia di Padre Gilles che ai ragazzi del Centro di recupero gestito da Tio Honorio.
Questa tecnica permette di utilizzare al meglio anche piccoli appezzamenti di terreno, contenitori quali vecchi secchi di plastica, bottiglie di plastica, contenitori in tetrapack tagliati a metà, vecchie pentole, ecc per coltivare diversi tipi di ortaggi ed erbe aromatiche.
Nel corso della missione di gennaio 2017 Tio Honorio e le educatrici di Casa M.Irgher ci hanno chiesto di effettuare un corso di formazione su questa tecnica di coltivazione e sulla consociazione di ortaggi, concetto anche questo accennato nel 2014.

marzo 2014 lezione di orticultura alle tende di Tio

Ipotizziamo di poter soddisfare le richieste effettuando il corso nel mese di settembre/ottobre 2017, dopo la stagione delle piogge.

Galleria fotografica